martedì 17 settembre 2013

Albanella Minore ...la bellezza fatta rapace

I rapaci sono quanto di più bello si possa osservare in natura. Nella mia zona capita spesso di osservare Gheppi, Sparvieri, Poiane, Falchi di Palude, Bianconi, Pecchiaioli e sporadicamente Albanelle Reali ma non mi era ancora mai capitato di incontrare l'Abanella Minore ( Circus Pigargus ). Adesso posso dire che è senza dubbio il rapace più bello che ho visto finora ed anche quello dal volo più elegante con le sue sinuose traiettorie e le improvvise picchiate mentre caccia insetti, piccoli rettili, roditori e passeriformi. Purtroppo in Toscana , specialmente nelle nostre province settentrionali, la sua presenza si è ridotta di molto divenendo oramai sporadica e non regolare. La causa principale è la riduzione progressiva del suo habitat ideale costituito da pascoli, campi incolti o coltivi di cereali dove nidifica a terra a differenza di tutti gli altri rapaci che utilizzano alberi rupi o scogliere. Queste sue abitudini "particolari" rendono questa specie sempre più vulnerabile e sensibile all'intrusione umana che con il suo intervento riduce gli ambienti sopracitati e laddove avvengono nidificazioni contribuisce all'insuccesso delle stesse con lo sfalcio incontrollato degli incolti e/o con la mietitura dei coltivi in cereali che con le moderne attrezzature avviene sempre più rapidamente non permettendo cosi il completamento della gestazione. L' Albanella minore in Italia è un migratore regolare e nidificante... arriva nella nostra penisola dall'Africa sub Sahariana verso Aprile per poi ripartire dai primi di Agosto.

Per questa prima osservazione devo ringraziare l'amico fotografo e naturalista Francesco Bacci ( www.naturalfoto.it) il quale entusiasta mi ha comunicato la sua scoperta chiedendo un aiuto nelle osservazioni che purtroppo sono state un po tardive ma non per questo meno interessanti ed emozionanti. La coppia che trovate ritratta nelle foto sottoriportate ha nidificato sicuramente in un incolto ma non siamo riusciti a trovare l'area di nidificazione e quindi non sappiamo se questa abbia avuto successo o meno. Lo sfalcio incontrollato dell'area rende l'insuccesso più probabile anche se noi speriamo vivamente il contrario.

Un interessante approfondimento sullo stato di conservazione della specie lo potete trovare a questo link  conservazione Albanella Minore










Posta un commento