sabato 20 ottobre 2012

Flehmen ...

Vi ricordate il cervo di uno dei post precedenti , quello del ritrattone " sono vivo e sono qui " ?
Eccolo qua bello tranquillo oramai alla fine del bramito che si gode un pò di meritato riposo .
Ma qualcosa deve aver sentito, non credo me,  visto che ero sottovento , ma delle femmine poco più avanti.
La foto lo mostra mentre esegue il Flehmen. 
Con l'arricciamento del labbro superiore gli ungulati infatti possono intercettare e percepire le sostanze chimiche odorose delle femmine in estro attraverso l'organo vomero-nasale o organo di Jacobson. Ecco come fanno ad intercettare e seguire le femmine che via via vanno in calore ...meraviglia della natura !






Al di la dell'aspetto puramente naturalistico che per me è il più importante, queste foto mi hanno dato grande soddisfazione anche per l'aspetto fotografico in quanto sono state fatte in condizioni di luce pessima ( mattina all'alba con cielo molto nuvoloso) e la mia canon 7D devo dire che si è rivelata sorprendente come resa a 3200iso. Vista la luce scarsissima pensavo di doverle cestinare ed invece sono venuti fuori degli scatti discreti anche se perfettibili specie in post produzione.





Comunque , mezzi tecnici a parte,  la cosa più bella di questo post non sono le foto ma questo stupendo esemplare di Cervo appenninico un pò in la con gli anni ma sempre in grande forma nonostante le scorribamde del periodo riproduttivo .

Posta un commento